Sicurezza in ambito aziendale: come tutelarsi in caso di concorrenza sleale

  • By CIRO DI PAOLA
  • 24 Oct, 2017
forzatura di dati aziendali privati

Che si parli del più raffinato insider trading – ovvero lo sfruttamento di informazioni riservate prelevate dalla propria azienda per il proprio tornaconto personale – o del più classico spionaggio industriale, quello della sicurezza in ambito aziendale è un tema che nessun imprenditore o dirigente dovrebbe trascurare.

Proteggere i dati sensibili del proprio posto di lavoro è uno dei doveri primari di un buon imprenditore; per questo motivo gli imprenditori più avveduti assumono delle agenzie di investigazione privata, con lo scopo precipuo di tutelarsi da eventuali azioni di concorrenza sleale.

I danni derivanti da una debole sicurezza aziendale

Viceversa, coloro che non mettono in atto le adeguate contromisure per arginare tale pericolo possono andare incontro a danni pecuniari e di immagine molto più ingenti di quanto, forse, sono inclini a pensare. Tali danni sono di particolare rilevanza soprattutto in caso di furti di brevetti esclusivi o diffusione di segreti industriali.

Qualsiasi imprenditore sa bene come questi elementi rappresentino il cuore di un’azienda e la chiave del suo successo: consentire l’accesso diretto a tali informazioni da parte di terzi comporta la perdita dei privilegi che esse garantivano in termini di esclusività del prodotto ed efficienza produttiva.

Come arginare il problema

Affidarsi a una buona agenzia di investigazioni può rappresentare lo strumento più rapido ed efficace per chiudere le fonti di accesso e secretare nuovamente la produzione di un’azienda, le sue tecniche e le sue metodologie.

Un buon investigatore si muoverà prevalentemente lungo due direttrici: la prima è volta a blindare nuovamente le informazioni sensibili, mentre la seconda ha come scopo quello di individuare le eventuali “talpe” al servizio della concorrenza, oltre ovviamente all’azienda concorrente che si avvale dei suoi servigi.

Per fare ciò, effettuerà le seguenti operazioni:

  • Controllo, verifica ed eventuale rafforzamento dei sistemi di accesso e sicurezza delle informazioni (codifica delle stesse, stoccaggio digitale, inserimento di password e altri meccanismi di identificazione);
  • Controllo a tappeto del personale autorizzato ad accedere a tutti i dati sensibili;
  • Verifica del flusso in uscita delle informazioni;
  • Indagine sulle possibili aziende concorrenti.

Il tutto, ovviamente, dovrà essere svolto nel più totale riserbo, muovendosi in perfetto equilibrio tra necessità investigative e rispetto della privacy.

Nel caso in cui l’attività investigativa giunga all’individuazione di uno o più responsabili di vendita o trasmissione di notizie secretate tra i quadri interni all’azienda, il titolare della stessa potrà rivalersi su di loro in due modi:

By CIRO DI PAOLA 16 Jan, 2018

Dietro alla deposizione di un brevetto (oppure di un marchio) si nasconde una mole di lavoro, spesso sotto forma di ricerca ed esperimenti sul campo, di ingente misura. Senza considerare tutte quelle risorse finanziarie che si sono rese necessarie al fine di raggiungere tale risultato. Tecnicamente il brevetto si configura come quello strumento giuridico che, posto a tutela di colui che lo deposita (il titolare a tutti gli effetti), assicura il monopolio temporaneo di sfruttamento dell’invenzione. E ovviamente di coglierne i relativi frutti. Una volta che il brevetto viene depositato, il titolare ha piena autorità di disporne nel modo più congeniale: ad esempio facendone un uso puramente commerciale, ma anche vietandone l’utilizzo a soggetti terzi che non siano stati preventivamente autorizzati.

By CIRO DI PAOLA 16 Jan, 2018

Quando pensiamo ai servizi di investigazione privati, siamo soliti credere che questo tipo di attività sia relativamente recente o che, ad ogni modo, la sua origine non sia da ricercarsi più in là di una cinquantina di anni addietro. Non è proprio così: la prima agenzia riconosciuta nasce in Francia addirittura nel 1833, con il nome di Bureau de renseignements pour le commerce , ad opera di monsieur Eugène-Francois Vidocq, personaggio con un passato da truffatore, ma che si converte al lato della giustizia fino a entrare nel corpo di polizia con il preciso compito di stanare malavitosi e delinquenti.

By CIRO DI PAOLA 02 Nov, 2017

Il cyberbullismo è una delle conseguenze più nefaste e pericolose della diffusione delle nuove tecnologie.

La portata del fenomeno sfugge ancora a una sua esatta definizione, dato che una parte consistente dello stesso rimane sommersa: infatti molte vittime di cyberbullismo – perlopiù adolescenti o comunque individui in età scolare – sono particolarmente restie a denunciare il fenomeno, per paura di ritorsioni o per semplice vergogna. Questo clima determina dei danni spesso seri e talvolta irreparabili alla psiche, all’autostima e persino alla salute di migliaia di giovani ogni anno.

Si tratta dunque di un’autentica piaga sociale, che non va assolutamente sottovalutata.
By CIRO DI PAOLA 02 Nov, 2017

La sparizione improvvisa e inspiegabile di una persona è uno di quegli eventi che da soli possono gettare nello sconforto intere famiglie. Uno sconforto che, il più delle volte, sfocia nel caos: la paura, il senso di impotenza e il disorientamento rischiano di prendere il sopravvento e di compromettere la lucidità dei familiari dello scomparso, impedendogli di fare scelte logiche e ponderate con la necessaria tempestività.

D’altro canto, le forze dell’ordine possiedono numerosi strumenti per dirimere queste situazioni, ma sono condizionate da una serie di protocolli operativi molto rigidi, e non sempre hanno la possibilità di agire con prontezza. Anche perché i casi di sparizione improvvisa su cui sono chiamate a indagare sono molti più di quanto siamo propensi a immaginare. I motivi per cui una persona scompare possono essere molteplici: in alcuni casi si tratta di allontanamenti volontari, in altri di sparizioni non dipendenti da una libera scelta del soggetto.

Il minimo comun denominatore, in entrambi i casi, è uno solo: se si desidera ritrovare i propri cari, il fattore tempo è fondamentale.
By CIRO DI PAOLA 24 Oct, 2017

Le statistiche degli ultimi dieci anni rivelano come le relazioni extraconiugali e clandestine abbiano subito un aumento vorticoso.

Le ragioni di tale incremento, a prescindere dal giudizio etico che può variare a seconda delle situazioni e della sensibilità individuale, sono molteplici: di sicuro, un contributo significativo lo hanno fornito l’accelerazione delle pratiche di divorzio e la facilità nel coltivare rapporti a distanza e all’insaputa del coniuge grazie ai cosiddetti nuovi media – internet e derivati, per essere più chiari. Ne consegue che accorgersi del tradimento del/della coniuge è, al giorno d’oggi, molto più difficile rispetto al passato: il fedifrago infatti può dissimulare le tracce del proprio tradimento con maggiore facilità.

Inoltre, per quanto possa sembrare incredibile, internet è pieno di tutorial che insegnano come portare avanti una relazione extraconiugale e farla franca, possibilmente per tutto il tempo che si desidera.

Insomma, le possibilità di apprendere l’arte dell’infedeltà e metterla in pratica con successo sono davvero alte. 

Tuttavia esistono alcuni segnali inequivocabili che, per quanto non sufficienti da soli a costituire un capo d’accusa, dovrebbero mettere in allarme chi li percepisce in merito alla fedeltà del proprio coniuge o partner.

Nelle righe che seguono proveremo ne suggeriremo alcuni tra i più tipici.
By CIRO DI PAOLA 24 Oct, 2017

Che si parli del più raffinato insider trading – ovvero lo sfruttamento di informazioni riservate prelevate dalla propria azienda per il proprio tornaconto personale – o del più classico spionaggio industriale, quello della sicurezza in ambito aziendale è un tema che nessun imprenditore o dirigente dovrebbe trascurare.

Proteggere i dati sensibili del proprio posto di lavoro è uno dei doveri primari di un buon imprenditore; per questo motivo gli imprenditori più avveduti assumono delle agenzie di investigazione privata, con lo scopo precipuo di tutelarsi da eventuali azioni di concorrenza sleale.
By CIRO DI PAOLA 24 Oct, 2017

Abbiamo già avuto modo di spiegare come una percezione distorta di uno strumento come le intercettazioni telefoniche possa comportare non solo un fenomeno di fraintendimento per quanto riguarda il loro utilizzo, ma anche e soprattutto delle serie conseguenze sul piano penale.

Le intercettazioni sono uno strumento serio, che la legge definisce come esclusivo delle forze dell’ordine: nessuna struttura privata può farne uso, e chi promette o garantisce il contrario può essere sanzionato anche in maniera severa. Rispetto alle intercettazioni, dunque, il lavoro di un’agenzia di investigazioni private può essere esclusivamente di carattere difensivo, ovvero può essere volto alla prevenzione e/o alla tutela del singolo cittadino che si ritiene a sua volta vittima (o sospetta di esserlo) di intercettazioni illegali.

By CIRO DI PAOLA 24 Oct, 2017

Il tema delle intercettazioni telefoniche, e più estesamente delle intercettazioni ambientali, è da alcuni anni al centro di ampi dibattiti e roventi polemiche.

Probabilmente molti di voi avranno sentito evocare da più parti concetti come “legittimità delle intercettazioni” e “limiti legali dell’utilizzo” di tale strumento, anche in ambito giudiziario.

In molti casi, il dibattito è talmente acceso e connotato politicamente da generare confusione. Capita così che molti privati cittadini conoscano a grandi linee il significato del termine intercettazione telefonica, ma non la sua reale portata e le applicazioni pratiche che riguardano tale strumento.

Vediamo quindi di fare chiarezza.
By CIRO DI PAOLA 12 Apr, 2017
Dopo le numerose polemiche degli ultimi anni suscitate dalla possibilità da parte dei datori di lavoro di controllare gli smartphone e i dispositivi mobile dei propri dipendenti, molte aziende hanno deciso di portare avanti la battaglia contro l’assenteismo ingiustificato avvalendosi della consulenza di agenzie di investigazione qualificate e serie, che rappresentano oggi dei veri e propri strumenti immancabili per contrastare i lavoratori fraudolenti e controllare la loro eventuale presenza nell'organigramma aziendale.
More Posts
Share by: